Ecco 6 spunti per lo sviluppo della tua StartUp
13 Apr, 2020
di Salvatore Di Bella

WOW! Finalmente è arrivato il lampo di genio per un nuovo progetto, ma adesso cosa fare perché si concretizzi sul mercato?

Dopo aver trovato quella che sembra l’idea giusta, la prima cosa da fare è capire se sul mercato esiste qualcosa di simile, perché non è un problema avere competitor ma ciò che deve essere fondamentale è individuare il tuo oceano blu (: un possibile acquirente deve subito capire che il tuo servizio, o prodotto, risolve il suo problema meglio di chiunque altro.

Il passo successivo è sondare il terreno fra le proprie conoscenze per verificare se davvero il prodotto che proponiamo possa essere necessario all’utenza e soprattutto se questa spenderebbe, e quanto, per acquistarlo; non bisogna, però, rivolgersi ad una nicchia di mercato troppo ristretta, controllando anche come si muovono i concorrenti e studiando le loro strategie.

Studia il tuo nemico e prendi spunto per migliorare te stesso.

Andando un po’ più al cuore del discorso parliamo di alcune STRATEGIE ESSENZIALI per iniziare questa avventura da Startupper:

1. Personal branding del/dei founder

Negli ultimi mesi, soprattutto per le piccole aziende e le startup, la tendenza è stata quella di umanizzare il più possibile la visione pubblica dell’attività, infatti, grazie ai social si riesce a dare grande risalto ai componenti dell’azienda, facendo affezionare il pubblico, così, non solo al prodotto ma anche alle persone che ci stanno dietro. In questo modo i potenziali clienti potranno entrare in contatto ed identificarsi realmente con voi, mettere in relazione il prodotto con un volto, aumentando la fiducia nell’azienda.

2. Digital PR

Per un corretta strategia di marketing, sfruttare al meglio le potenzialità di questa nuova figura è davvero essenziale; ne abbiamo parlato qualche settimana fa in un articolo dedicato che trovate qui.

3. Email marketing

L’email può sembrare uno strumento ormai obsoleto, e per alcuni versi lo è davvero, ma risulta ancora essere molto efficace se sfruttato bene. Pianificare newsletter con contenuti di qualità può aumentare esponenzialmente il pubblico, ma bisogna richiedere sempre il consenso all’utilizzo dei dati seguendo le norme del GDPR e non bombardando continuamente di email i potenziali clienti, perché si otterrebbe anche un risultato contrario al nostro obiettivo.

4. Video e podcast

Oltre a sfruttare i soliti canali per il contatto col pubblico, è necessario anche pubblicare altri tipi di contenuti soprattutto di QUALITÀ. I video, sia in orizzontale che in verticale, sono ancora un trend in crescita e consentono di coinvolgere l’utente in pochi secondi, mentre i podcast sono una nuova forma di marketing che, grazie ad un contatto un po’ più leggero, simile ad una chiacchierata tra amici, può dare uno slancio in più alla presentazione del proprio prodotto.

5. Social media marketing e adv

Ovviamente i social, l’abbiamo detto sempre, rimangono un punto fermo per ogni azienda che si rispetti,ma bisogna saper scegliere il canale più adatto alle nostre esigenze: è inutile buttarsi nella mischia senza aver preparato la giusta strategia; anche qui, ovviamente, bisogna puntare sulla qualità dei contenuti.

6. Brand ambassador e micro-influencer

Ultimo, ma non per importanza, è il fattore influenza, le persone ascoltano e tendono a fidarsi di chi racconta la propria esperienza in prima persona. Non è necessario spendere cifre immense per affidarsi a brand famosi o a personaggi pubblici, ma per far colpo, a livello locale soprattutto, potete far in modo da annoverare fra i vostri primi clienti alcuni brand ambassador, e micro-influencer, cioè persone che hanno già molto sèguit in una determinata area geografica o di interesse.

Concludendo, sarà un percorso tortuoso e pieno di ostacoli ma col duro lavoro, e soprattutto affidandoti ad un team di professionisti nel settore, la tua idea potrà diventare la realtà del domani.

Se vuoi ricevere supporto sulla tua strategia di Marketing contattaci.

        

     

    Tags:

    Per saperne di più compila il form qui di seguito!

          

      Ultimi articoli

      PERCHÉ SVILUPPARE UN’APP PER IL DELIVERY

      PERCHÉ SVILUPPARE UN’APP PER IL DELIVERY

      di Michele Mereu La risposta a questa domanda è ovvia: perché da un anno siamo all’interno di una pandemia mondiale. Per quanto ad oggi ci sia una leggera normalità non sappiamo per quanto possa durare ma soprattutto abbiamo sviluppato delle abitudini di acquisto che...

      leggi tutto
      NEGOZIO FISICO VS NEGOZIO ONLINE

      NEGOZIO FISICO VS NEGOZIO ONLINE

      di Michele Mereu In questa nuova era pandemica ci siamo resi conto di quanto i contesti economici possano cambiare velocemente e che le normali regole, quelle a cui eravamo abituati, possono modificarsi altrettanto velocemente.  Tanti negozi delle nostre città hanno...

      leggi tutto

      Commenti

      0 commenti

      Iscriviti alla newsletter!

      Compila il form per iscriverti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notivà del mondo digital!

      Iscriviti